conor-mcgregor-ufc-mcgregor_3345666

Conor McGregor minacciato su Twitter. L’Fbi indaga

Secondo quanto riportato da diversi media americani, l’Fbi starebbe investigando  le minacce ricevute su Twitter da Conor McGregor nelle ore successive all’infuocato face-off con Nate Diaz.

Davanti alle telecamere l’irlandese e il californiano si sono scambiati insulti, gestacci e le classiche promesse della vigilia seguendo l’altrettanto classico copione del trash talking da pay per view.

Per fortuna meno classica è stata la reazione di un fan californiano (presesumibilmente un tifoso di Diaz, verrebbe da pensare) che su Twitter ha ammonto il campione di Dublino di “stare all’occhio” perché “nel quartiere non si usano i pugni ma le armi” e lui , lì, “non conta un cazzo”. E poi ancora: “Questa non è l’Irlanda, qui ci sono un sacco di armi.”

minacce

Il tweet incriminato

La cosa potrebbe senz’altro essere solo un’uscita improvvida di un guerriero da tastiera con troppo testosterone nel sangue e qualche birra di troppo nello stomaco, ma è resa decisamente inquietante dalla fotografia che il bellicoso fan pubblica e che lo vede imbracciare un fucile d’assalto lungo così.

2pruttk

Conor potrebbe aver reagito così, ma pare che l’Fbi abbia poca voglia di scherzare

Allertata da un blogger la Ufc ha immediatamente intensificato la sorveglianza attorno al liguacciuto irlandese e allertato le autorità che a loro volta – sempre stando alle le notizie che giungono dagli Usa – non avrebbero perso tempo nel dare il via a un’indagine.

Il match tra Conor McGregor e il sostituto dell’ultim’ora Nate Diaz è previsto per il 5 marzo prossimo a Las Vegas quale main event di Ufc 196.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.